Lo smartphone e la sindrome dello sguardo basso*

Lo smartphone e la sindrome dello sguardo basso 2

Perchè ogni tanto sarebbe buona cosa spegnere il nostro smartphone? Perchè usarlo troppo crea ansia, depressione e malumore e ci allontana dagli altri rendendoci meno socievoli ed empatici.

Nell’ultimo romanzo di Michele Serra dal titolo Ognuno Potrebbe la fidanzata del protagonista finisce al Pronto Soccorso per colpa di una strana malattia chiamata appunto *Sindrome dello Sguardo Basso: “Chi ne è afflitto può venire investito da un camion o precipitare in un buco sul marciapiedi semplicemente perché la testa è china sullo schermo dello smartphone invece di guardare avanti.” Ma l’uso eccessivo e prolungato dello smartphone o egofono (come lo ha ribattezzato Serra nel suo romanzo) oltre a farci sbattere contro un palo ha altre conseguenze negative? Rende sicuramente meno svegli e meno intelligenti vedi articolo e rovina anche le coppie leggi l’articolo. A proposito di smartphone e statistiche lo sapevate che nel 2015 più di un terzo degli adolescenti americani ha mandato più di 100 messaggi al giorno e ha passato più tempo sullo smartphone che a parlare direttamente con un suo coetaneo? Ed ancora nel 2015 abbiamo passato in media 5 ore e mezza al giorno sui dispositivi mobili, abbiamo controllato il telefono 221 volte al giorno cioè una ogni 4,3 minuti e per finire sempre nel 2015 le morti provocate da incidenti dovuti ai selfie hanno superato le morti provocate dagli squali – se ti interessa sapere perché ci facciamo i selfie leggi articolo.

Una recente ricerca ha evidenziato una correlazione tra lo stare troppo tempo attaccati allo smartphone (per navigare in internet, chattare o andare sui social) ad alcune forme d’ansia e depressione.

Il responsabile della ricerca, il Dottor Alejandro Lleras, così afferma: “Nella nostra ricerca le persone che avevano usato più spesso il cellulare erano le stesse che avevano ottenuto i punteggi più alti nei test relativi alla depressione ed ansia… però non è detto che utilizzandolo diventiamo per forza depressi, basta usarlo solo quando effettivamente ci serve ed ogni tanto quando siamo annoiati.”

Il legame Social Network – in particolar modo Facebook – e depressione era già stato trattato in altre ricerche e siccome la maggior parte di volte che prendiamo in mano lo smartphone lo facciamo per guardare su Facebook gli ultimi status dei nostri amici mi pare giusto fare un accenno anche a due di queste ricerche. – se ti interessa Facebook leggi anche articolo sul significato nascosto dei post di Facebook.

La prima ricerca sostiene che, se guardiamo gli aggiornamenti dei nostri amici su Facebook e facciamo delle comparazioni tra la loro e le nostra vita, allora possiamo diventare depressi .

Il capo progetto la Dottoressa Mai-Ly Steers così afferma: “Non possiamo fare a meno di sbirciare le pagine dei nostri amici e comparare quello che fanno loro con quello che facciamo noi e questo ci fa credere che le loro vite siano migliori della nostra.”

Anche la seconda ricerca riprende il tema dell’invidia. Il capo progetto la Dottoressa Margaret Duffy così sostiene: ”Se Facebook viene usato per rimanere in contatto con amici e familiari e per condividere momenti importanti della nostra vita allora può essere visto come un’attività salutare e divertente, quando invece viene usato per vedere come spendono i soldi i nostri amici o come si divertono creando una sorta di invidia allora può far scattare la depressione.”

Troppo Facebook ci rende anche più insicuri vedi articolo.

Usare troppo lo smartphone – indifferentemente che lo si usi per andare su Facebook o meno – stanca e mette di malumore e ciò è quanto è emerso da una ricerca coreana di pochi giorni fa. I ricercatori hanno infatti verificato che usare lo smartphone anche durante la pausa pranzo – senza mai staccare – sia in grado di rendere le persone più tristi, stanche e svogliate durante il pomeriggio.

E se invece lo tenessimo proprio spento il nostro smartphone? Aumenterebbe di gran lunga la nostra empatia verso gli altri!! Almeno questo è quello che sostiene una ricerca californiana eseguita su un gruppo di preadolescenti durante una settimana di campeggio in cui ad una parte dei ragazzini era stato vietato l’utilizzo di smartphone ed affini. Infatti i ricercatori, grazie ad una serie di test psicologici, hanno scoperto che solo il gruppo di preadolescenti a cui era stato proibito lo smartphone, aveva migliorato l’empatia nel saper riconoscere le emozioni altrui. I ricercatori infatti sono convinti che: “…basterebbe sospendere solo per 5 giorni l’utilizzo di apparecchiature elettroniche come lo smartphone per poter migliorare la nostra capacità di riconoscere le emozioni non verbali degli altri.”

Buona mente e ricordatevi di spegnere, ogni tanto, il vostro smartphone!!

Massimo

Immagine Credit: byronv2

Per scrivere questo articolo ho impiegato alcuni giorni. Se vi è piaciuto, per piacere, condividetelo sui vostri Social e mettete Mi piace a questo articolo ed anche alla pagina Facebook di AudiMente. Grazie Mille.

Vi interesserebbe leggere altri articoli sullo stesso argomento? Cliccate qui.

Privacy Policy Licenza Creative Commons
AudiMente di Massimo Lattes è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Based on a work at www.audimente.it.