Tre frasi che è meglio non dire al proprio partner

Spesso le parole (o le non parole) possono ferire il partner ed uccidere la relazione.

Il linguaggio è molto, molto potente e ciò che viene detto impulsivamente potrebbe causare seri danni alla relazione.

Ecco tre frasi che assolutamente sarebbe meglio evitare.

1. “Tu sempre… Tu mai…”

Presi dalla foga di una discussione potremmo pronunciare le fatidiche parole: “Tu faisempre x…” oppure: Tu non fai mai y…”.

Spesso le pronunciamo in relazione anche a dei banali motivi come ad esempio “Tu non porti mai fuori la spazzatura”. Ahimè per il partner tali frasi non sono per niente banali, anzi sono una pugnalata perché lui/lei le recepisce come un attacco personale nel senso: “Sei inutile. Mi deludi sempre”.

Ecco cosa invece dire:

“Mi sento x quando fai/non fai y. Come possiamo risolvere questo problema?”

Molto meglio trattare l’argomento con “Io” piuttosto che “Tu” che viene sempre percepito come un’accusa .

2. “Non mi interessa”

Non mi interessa…” oppure Non mi importa se…” implicano automaticamente una mancanza di investimento emotivo nell’altra persona, e l’altra persona ne soffre parecchio.

Secondo il dottor John Gottman (vedi articolo per conoscere tutte le sue ricerche in merito alla coppia) il fattore predittivo più importante per capire se una relazione durerà o meno sono la gentilezza e l’attenzione nei confronti del partner e dire: “Non mi interessa x ” è l’equivalente di dire: ”Non mi interessa di te”.

3. “Non importa … fa niente”

Naturalmente ci sono momenti in cui realmente lo intendiamo ma troppo spesso usiamo queste parole in senso sprezzante, ad es. “Non importa, faccio da solo”.

Queste parole trasmettono che stai rifiutando il tuo partner, che lo stai deliberatamente escludendolo da quello che stai facendo.

Cosa dire invece:

“Si grazie, cosa pensi di fare per darmi una mano?”

Eppoi non dimentichiamo mai e poi mai di dire sempre: “Grazie!!!

Il dottor John Gottman afferma che le coppie che si ringraziano regolarmente si sentono più supportate e apprezzate e sono quindi più in grado di superare i periodi di tensione e stress di coppia.

Senza dubbio ci sono molte cose che non sopportiamo dei nostri partner. Riteniamo che comunicare al partner questa nostra frustrazione nei suoi confronti sia la cosa migliore invece creerà solo ulteriori danni.

Infatti prima di farlo presente dobbiamo chiederci: “È un problema reale o solo un fastidio passeggero?” Se la risposta è la prima cerchiamo di usare un linguaggio neutro e costruttivo che si concentri sulle azioni fatte dal partner (per noi insopportabili) piuttosto che sul suo carattere e peggio ancora sulla sua persona e soprattutto evitiamo di incolparlo.

Vuoi conoscere la formula segreta di John Gottman per trovare l’amore vedi articolo.

Buona mente

Massimo

Se vuoi essere sempre aggiornato sugli ultimi articoli iscriviti gratuitamente alla newsletter.

Ti interesserebbero altri articoli sullo stesso argomento? Clicca qui.