Ecco come tre semplici tecniche di meditazione possono portare benefici tangibili a noi e a tutta la società.

Vuoi allenare il cervello ed ottenere diversi benefici per la tua salute mentale?

La meditazione è quello che fa per te.

Di tecniche di meditazione ve ne sono parecchie, ognuna con la propria specificità e caratteristica e sta quindi a noi praticare quella che ci è più congeniale.

Indice

Tecniche di meditazione

Ma quale scegliere?

Ci viene in soccorso una ricerca tedesca (1) che ha voluto studiare gli effetti e i benefici di tre diverse pratiche di meditazione. I ricercatori avevano suddiviso 300 volontari, di età compresa tra i 20 e i 55 anni, in 4 gruppi. Ai primi tre gruppi era stato chiesto di praticare, per 30 minuti al giorno, una particolare tecnica di meditazione per un anno intero mentre al quarto gruppo, quello di controllo, non era stato chiesto nulla.

Ma quali erano le pratiche di meditazione analizzate dai ricercatori?

1) Tecnica basata sulla Presenza

Questo primo gruppo si doveva concentrare sull’allenamento dell’attenzione e della consapevolezza. Gli esercizi includevano la scansione del corpo, la concentrazione sul respiro, la capacità di portare l’attenzione al momento presente ogni qualvolta la mente divagava.

APPROFONDIMENTO: Meditazione dell’attenzione

2) Tecnica basata sull’Affetto

I volontari di questo secondo gruppo si dovevano concentrare sull’allenamento delle emozioni sociali positive come amorevolezza, compassione, gentilezza, gratitudine, nonché sull’accettazione delle proprie esperienze negative.

APPROFONDIMENTO: Meditazione della gentilezza amorevole

3) Tecnica basata sulla Prospettiva

I partecipanti a questo terzo gruppo dovevano concentrarsi sulle proprie abilità metacognitive cioè dovevano diventare consapevoli dei propri pensieri ed emozioni; ad esempio dovevano imparare a vedere avvenimenti della propria vita sotto diverse prospettive e punti di vista (vedere i problemi non in prima persona ma dal di fuori).

Ogni tre mesi, per tutta la durata dell’esperimento, i volontari di tutti e quattro i gruppi vennero sottoposti a questionari, test ed esami per valutare se ci fossero stati o meno dei cambiamenti sul loro cervello e sulla loro salute. Grazie a ciò i ricercatori scoprirono che tutte le tecniche di meditazione studiate avevano portato dei benefici ma ognuna a modo suo. Vediamo più in dettaglio quali sono questi benefici rispetto alle singole tecniche meditative praticate.

Benefici della meditazione

Attenzione

I partecipanti che avevano svolto tecniche sulla Presenza o sull’Affetto (primo e secondo gruppo) avevano migliorato significativamente la loro attenzione.

Compassione

Solo i partecipanti che avevano svolto esercizi sull’Affetto (secondo gruppo) erano diventati più compassionevoli.

Teoria della mente

Con teoria della mente si intende la capacità di comprendere gli stati mentali degli altri mettendosi nei loro panni. Solo gli esercizi di meditazione basati sulla Prospettiva (terzo gruppo) avevano aiutato i partecipanti a migliorare la loro teoria della mente.

Plasticità cerebrale

Utilizzando lo screening diagnostico della risonanza magnetica (RMN), i ricercatori avevano analizzato il volume della materia grigia cerebrale dei volontari che, come è noto, si assottiglia nel tempo man mano che le persone invecchiano. Ebbene tutti i volontari di tutti e tre i gruppi che avevano svolto tecniche di meditazione avevano aumentato la propria materia grigia a differenza invece del gruppo di controllo il cui volume era rimasto pressoché invariato.

Stress sociale

Per misurare lo stress sociale, i ricercatori avevano fatto svolgere ai partecipanti un compito stressante ed avevano quindi misurato il loro stress analizzando l’ormone dello stress, il cortisol, attraverso la loro saliva. I ricercatori scoprirono che solo il primo gruppo di volontari, cioè quello che aveva seguito gli esercizi basati sulla Presenza, aveva bassi livelli di cortisol.

Per concludere così scrivono i ricercatori:

Tutte le tecniche meditative portano dei miglioramenti ma è davvero molto importante sapere quale scegliere e quale svolgere a seconda dei benefici che si vogliono ottenere. La buona notizia è che bastano solo 30 minuti di pratica al giorno per ottenere tali benefici, tuttavia bisogna aspettare diverso tempo per iniziare a vederli su se stessi”.

In un mondo sempre più complesso in cui le divisioni culturali e religiose la fanno da padroni, imparare qualche tecnica di meditazione potrebbe essere importante non solo per la propria salute mentale, ma anche per la prosperità e pace comune.

Buona mente e buona meditazione.

Massimo

Ascolta l’articolo

Ascolta “Scopri tre tecniche di meditazione brevi ma efficaci” su Spreaker.

Ricerca

(1) Differential Benefits of Mental Training Types for Attention, Compassion, and Theory of Mind Contributors: Fynn-Mathis Trautwein Philipp Kanske Anne Böckler-Raettig Tania Singer https://osf.io/x9s2h/


Massimo Lattes

Dopo aver completato gli studi in Statistica Economica e Sociale, mi sono specializzato nell'Analisi della Comunicazione Televisiva che mi ha portato a lavorare in gruppi editoriali come Il Sole 24 Ore, Rai, Mtv, Sky e Forbes. In parallelo ho iniziato ad interessarmi alla Psicologia e alla Sociologia, con il desiderio di comprendere meglio le persone dietro ai dati e ai numeri del cosiddétto "Audience" televisivo. Ho approfondito quindi le mie competenze in Psicologia attraverso studi, letture e partecipazioni a corsi e seminari. L'amore per questo argomento mi ha spinto a creare AudiMente - Audience della Mente -, uno spazio in cui condivido riflessioni sul Benessere Psicologico e sulla Crescita Personale attraverso l’Analisi di Ricerche di Psicologia.